Dolci

Pandolce genovese

 

Una delle istituzioni più importanti, antiche e famose delle festività natalizie liguri è senza dubbio il Pandolce genovese, da non confondere con il cosiddetto pane del pescatore o panettone basso la cui nascita è ben più recente.
Come tutte le ricette tradizionali ogni famiglia possiede una sua versione più o meno lontana da quelle per così dire canoniche e la preparazione che proponiamo  noi è quella di famiglia la cui caratteristica è l’uso di una base molto simile al pane (a differenza degli altri panettoni italiani), quindi senza uova o vaniglia.
Fateci sapere quali sono le vostre ricette di questo dolce straordinario!

Preparazione del pandolce genovese

Preparazione del pandolce genovese

24:50
24:00
00:50

5 Coperti

Ingredienti

  • 300 gr di lievito madre
  • 1/4 cubetto di lievito
  • 300 gr di Manitoba
  • 50 gr d’acqua
  • 30 gr liquore all’arancia (tipo Grand Marnier) o Marsala
  • un pizzico di sale
  • 80 gr burro
  • 150 gr zucchero
  • scorza di mezz’arancia grattugiata
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaino semi di finocchio
  • 150 gr uvetta
  • 50 gr cedro candito
  • 50 gr arancia candita
  • 50 gr pinoli

Istruzioni

  1. Impastate la farina, l’acqua, il liquore, il lievito madre, il lievito secco, il burro e lo zucchero finché la pasta non comincia ad assumere una certa consistenza, quindi aggiungere il sale, la scorza d’arancia ed i semi di finocchio.
  2. Lasciate riposare per circa tre ore avvolto nella pellicola trasparente in un luogo caldo.
  3. Farcite l’impasto con l’uvetta, il cedro, l’arancia ed i pinoli ed impastare per una decina di minuti, in questa fase può essere che la pasta tenda a diventare umida, in tal caso aggiungete poca farina.
  4. Incidete il classico triangolo sulla sommità e lasciate riposare l’impasto ben coperto sotto un panno per circa dieci ore in un luogo al riparo dalle correnti d’aria (il forno fa benissimo).
  5. Portate il forno ad una temperatura di 200° ed infornate il panettone avendo cura di abbassare subito la temperatura a 180° e lasciar cuocere per almeno 40-45 minuti, ma qui va da forno a forno!

Latte dolce fritto

Uno dei dolci più tipici da fare nei giorni di festa, capace di portare immediatamente il sorriso in casa per via dell’inconfondibile profumo che sprigiona durante la frittura.
Il latte dolce fritto pur essendo composto da ingredienti piuttosto poveri è un dolce buonissimo,  molto facile da realizzare e dal risultato assicurato anche per chi non è pratico di fornelli e fritture!

Preparazione del latte dolce fritto

Preparazione del latte dolce fritto

02:07
02:00
00:07

5 Coperti

Ingredienti

  • 1 lt di latte intero
  • 160 gr farina di grano duro
  • 150 gr zucchero vanigliato
  • 6 uova
  • scorza di un limone
  • pane gratuggiato
  • olio di arachidi

Istruzioni

  1. Mettere il latte a cuocere a bagnomaria, oppure a fuoco molto basso per evitare che si scotti sul fondo.
  2. Unire la farina passata al setaccio via via mescolandola con un frustino.
  3. Aggiungere lo zucchero e quattro uova precedentemente sbattute e continuare a mescolare finché non comincia ad addensare, quindi aggiungere la scorza di limone.
  4. Stendere il composto possibilmente su un tavolo di marmo o su un tagliere abbastanza ampio la crema cercando di lasciarla con un’altezza di circa un centimetro.
  5. Lasciar raffreddare per almeno due ore.
  6. Tagliare a rombi la crema ormai solidificata, passarla nelle rimanenti due uova sbattute e quindi nel pangrattato.
  7. Friggere in abbondante olio fino a farle indorare.

Suggerimenti

  • Esiste anche una versione un po’ più corposa e natalizia che prevede al posto della scorza di limone l’uso di cedro e zucca candita, pinoli e pistacchi.